Pagina precedente | 1 2 | Pagina successiva
Stampa | Notifica email    
Autore
Facebook  

TuttoSBK

Ultimo Aggiornamento: 08/03/2016 22.45
OFFLINE
Post: 1.100
Città: OLGIATE COMASCO
Età: 38
Sesso: Maschile
21/03/2015 07.23

Davies (Aruba.it Racing - Ducati Superbike Team) chiude in terza posizione il primo giorno a Buriram. Bayliss è settimo.

Buriram (Tailandia), venerdì 20 marzo 2015 – Il primo evento Superbike in assoluto a svolgersi in Tailandia ha preso il via questa mattina al Chang International Circuit, situato nella provincia di Buriram.

L’Aruba.it Racing – Ducati Superbike Team, in pista con Chaz Davies e Troy Bayliss, ha partecipato alle prime due sessioni di prove cronometrate, disputatesi con temperature molto alte (aria 36°C, asfalto 57°C).

Nella mattina sia Chaz che Troy hanno cominciato a prendere confidenza con questo nuovo tracciato nel corso delle prime prove, sfruttando una sessione più lunga del solito, estesa a 75 minuti per dare a tutti i piloti la possibilità di conoscere meglio la pista.
Chaz è stato subito veloce fin dalla prima uscita, facendo registrare un crono di 1’36.054 nei primi minuti della prima sessione. Il pilota gallese è stato vittima di una piccola scivolata alla curva 3, senza conseguenze, a 30 minuti dalla fine. Questo inconveniente non gli ha impedito di continuare le prove ed alla fine della sessione, grazie al giro veloce fatto segnare nella fase iniziale del turno, ha chiuso in quarta posizione. Troy, apportando delle piccole modifiche alla sua Panigale R durante le prove, ha potuto compiere dei buoni progressi. Lavorando passo dopo passo con i suoi tecnici sulla messa a punto della sua moto, si è migliorato molto negli ultimi minuti, per chiudere con un miglior tempo di 1’36.909 che lo ha posizionato al quattordicesimo posto.

Nella seconda sessione di prove cronometrate, svoltasi su di un asfalto decisamente più caldo rispetto alla mattina, sia Chaz che Troy hanno abbassato quasi subito i loro tempi sul giro. Chaz ha fatto registrare un crono di 1’35.642, sempre a inizio sessione, ma è riuscito a migliorarsi ulteriormente nell’ultima fase, per chiudere al terzo posto grazie ad un giro in 1’35.288. Troy, continuando a lavorare con il proprio team durante il pomeriggio, ha migliorato il suo tempo di 1.3 secondi per chiudere in settima posizione finale con il tempo di 1’35.690.

Domani le Superbike torneranno in pista per l’ultima sessione di prove cronometrate, le prove libere e le due sessioni di Superpole.

Dichiarazioni dopo le sessioni di oggi:

Chaz Davies (Aruba.it Racing - Ducati Superbike Team #7) – 3° (1’35.288)
“Non sono particolarmente felice, perché mi sembra di non riuscire ancora a far scorrere la moto come vorrei. Funziona bene in alcuni settori ma poi in altri, soprattutto per quanto riguarda l’anteriore, mi piacerebbe trovare un feeling migliore. Al momento non capisco esattamente quale sia il limite dell’anteriore. E’ positivo essere fra i primi ovviamente, ma preferirei stare lì con il feeling giusto. Sono incorso in una piccola scivolata stamattina – ho frenato un po’ tardi e penso di aver messo le ruote su un punto della pista un poco sporco - ma comunque, non mi sono fatto male e la moto non si è danneggiata molto…”

Troy Bayliss - (Aruba.it Racing - Ducati Superbike Team #21) – 7° (1’35.690)
“Abbiamo avuto qualche piccolo problema stamattina e ci è voluto un poco di tempo per trovare la strada giusta. Il feeling che avevo nella prima sessione non era male ma non era quello che io avrei voluto. Sapevo che sarebbe stato possibile fare di più oggi pomeriggio, utilizzando la gomma più morbida, ed è stato proprio così e sono stato subito più veloce. Poi, a metà sessione, abbiamo fatto una modifica che anche in passato ci aveva aiutato, ed ha funzionato ancora, permettendomi di fare una serie di giri veloci, il migliore dei quali è stato con una gomma che aveva già percorso 13 giri. Quindi ora sono molto contento e quando sono sceso dalla moto ho provato le stesse sensazioni che avevo sette anni fa.”

Programma del weekend (CET +6):

Sabato
09.45 – 10.30 – SBK Prove Cronometrate 3
12.30 – 13.00 – SBK Prove Libere
15.00 – 15.15 – Superpole 1
15.25 – 15.40 – Superpole 2

Domenica
10.30 – 10.45 – SBK Warm-up
13.00 – SBK Gara 1
16.30 – SBK Gara 2


Fonte: ducati.it
_____________________________

Inno [SM=x52783]

"Tanto tempo fa un grande filosofo indiano scrisse:
Nel mare della vita i fortunati vanno in crociera... gli altri nuotano qualcuno annega "(D.M. Delfini)
AUSTRALIAN OPEN 2019TUTTO TENNIS FORUM155 pt.22/01/2019 02.20 by Latinoheat1989
144.000 definiti o da definirsi? Testimoni di Geova Online...123 pt.21/01/2019 17.22 by viceadmintdg4
Giovanna Carollo (Rai Sport)TELEGIORNALISTE FANS FORU...68 pt.21/01/2019 21.15 by Massimo_I
Monza-Virtus Veronablog191263 pt.21/01/2019 21.00 by Monza72
Reddito di cittadinanzaAWARD & OSCAR FFZ...t...23 pt.21/01/2019 09.44 by ilpoeta59
The breast gameIpercaforum23 pt.21/01/2019 21.28 by JulienRe
OFFLINE
Post: 1.100
Città: OLGIATE COMASCO
Età: 38
Sesso: Maschile
22/03/2015 15.46

Due gare difficili per l'Aruba.it Racing - Ducati Superbike Team quelle di oggi a Buriram

Buriram (Tailandia), domenica 22 marzo 2015 – Una giornata di gare complicata per l’Aruba.it Racing – Ducati Superbike Team al Chang International Circuit di Buriram, Tailandia. Chaz Davies taglia il traguardo undicesimo e quindicesimo nelle due gare Superbike, dopo due scivolate. Nona ed undicesima posizione finale per Troy Bayliss.

Gara 1 – Condizioni calde e soleggiate a Buriram per le gare odierne, con una temperatura dell’aria di circa 30°C, e 50°C di asfalto. Partendo dalla sesta posizione in griglia, Davies era già quarto nelle prime curve, posizionandosi tra Haslam e Lowes. Chaz transitava fra la quarta e la quinta posizione nella prima fase della gara, ma purtroppo un’innocua scivolata nel corso del nono giro lo relegava in quindicesima posizione. Nonostante la caduta, il pilota gallese ha continuato a girare con tempi costantemente veloci sino al traguardo, ed è riuscito a recuperare quattro posizioni nella fase finale, chiudendo questa prima manche in undicesima posizione. Bayliss, settimo in griglia, ha guadagnato una posizione nel primo giro e nella fase iniziale ha fatto parte di un gruppetto composto anche da Guintoli e Van der Mark. Il suo buon ritmo gli ha permesso di mantenere l’ottava posizione per quasi tutta la durata della gara. Gestendo bene l’usura della gomma, e lottando con vari piloti, fra cui Lowes, Salom e Baiocco, il pilota australiano tagliava il traguardo in ottava posizione finale. Purtroppo la direzione gara ha però rilevato un sorpasso con bandiere gialle durante la gara e ha inflitto la penalità di retrocedere una posizione.

Gara 2 – la seconda manche si è svolta in condizioni molto simili a quelle di Gara 1. Anche questa volta Chaz è partito forte, ed era terzo al termine del primo giro dietro a Lowes e Rea. Stava lottando con Haslam quando ha purtroppo perso aderenza al posteriore finendo di nuovo a terra. Chaz è stato in grado anche questa volta di continuare la gara, ed è stato addirittura il pilota più veloce in pista in alcuni degli ultimi giri, ma poteva recuperare solo fino ad un certo punto, ed ha chiuso la gara in quindicesima posizione. Bayliss era ottavo nelle prime curve con Salom e Torres subito davanti a lui. Troy ha recuperato due posizioni nei primi giri per posizionarsi sesto al quinto passaggio. Dall’ottavo giro in poi il tre volte campione del mondo iniziava a perdere leggermente terreno e nonostante i suoi sforzi chiudeva la gara in undicesima posizione finale.

Dopo i primi due round del campionato 2015, Chaz Davies si trova in sesta posizione nella classifica generale con 38 punti, mentre Troy Bayliss è tredicesimo con 15 punti. Ducati è attualmente terza nella classifica dei costruttori (50 punti).

Con la gara di Buriram si è anche conclusa l’emozionante esperienza nel campionato Superbike 2015 per il tre volte campione del mondo australiano, che rientrerà in Australia mercoledì prossimo dopo aver preso parte ad una serie di eventi promozionali Ducati in Tailandia

Dichiarazioni dopo le gare di oggi:

Chaz Davies (Aruba.it Racing - Ducati Superbike Team #7) – 11°, 15°
“Sono molto dispiaciuto per le gare di oggi. E’ stato molto difficile ed ho dovuto spingere molto, girando sempre al limite, per poter restare con gli altri. Il fatto che ci sono tre rettilinei ci ha proprio limitato qui oggi... Abbiamo fatto delle modifiche per la seconda gara e la moto è migliorata, ma purtroppo la seconda gara è andata più o meno come la prima. La caduta è stata diversa, ho perso aderenza al posteriore entrando nella curva 3, ma la seconda parte di gara è stata simile, ho cercato di recuperare più posizioni possibili. I tempi sul giro sono stati buoni, e quando giro da solo trovo molte meno difficoltà. Quando lotto con gli altri invece faccio molta fatica nella prima accelerazione e in rettilineo perdendo troppo terreno ed essendo poi costretto a forzare molto gli ingressi. Confido nei ragazzi di Borgo Panigale e sul loro prezioso lavoro per trovare più potenza in vista delle prossime gare…”

Troy Bayliss (Aruba.it Racing - Ducati Superbike Team #21) – 9°, 11°
“Tutto sommato, e considerando che le condizioni climatiche qui sono state fra quelle più difficili che io abbia mai incontrato nella mia carriera, posso dire di essere abbastanza soddisfatto. Non mi è mai piaciuto il caldo e sono state, come mi aspettavo, due gare molto fisiche e difficili, soprattutto la prima perché non avevo preso la scorta di acqua nella tuta! Pensavo di fare un pochino meglio nella seconda, ma sapevo che non sarebbe stato facile, e quindi tutto sommato non è andata poi così male… E’ stato divertente, sono rientrato in una particolare circostanza e volevo fare solo un altro evento dopo Phillip Island per vedere come andava. Amo le corse, la Ducati e le persone che ci lavorano ed è stato molto emozionante guidare la Panigale R Superbike in gara. Sono stato fortunato nel finire la mia carriera in forma nel 2008 e ho visto che ancora adesso posso essere veloce: ora però voglio tornare a godermi la vita con la mia famiglia in Australia. Ringrazio tutti per l’affetto che mi hanno dimostrato e lascio il divertimento ai giovani talenti.”

Ernesto Marinelli – Ducati SBK Project Director
’Non è stato sicuramente un weekend facile per noi e purtroppo Chaz è caduto in entrambe le gare. Ci è mancata un po’ di accelerazione all’uscita delle curve lente e sarà questa l’area di maggior lavoro delle prossime settimane. Abbiamo comunque dimostrato anche qui in Tailandia che la Panigale R è una moto competitiva. Dopo le cadute Chaz è riuscito a ripartire e, soprattutto in Gara 2, ha mantenuto lo stesso ritmo dei primi, girando con dei tempi davvero veloci. Adesso dobbiamo rimboccarci le maniche e guardare avanti per dare il massimo nelle prossime gare. Troy ha dimostrato in prova di essere ancora molto veloce e in gara, nonostante il grande caldo, ha dato spettacolo con la sua guida unica e sempre aggressiva. Lo ringraziamo per aver dato il massimo con la stessa determinazione di un tempo, non potevamo chiedergli di più. Averlo di nuovo in sella per questi due eventi è stato bellissimo, è passato un po’ di tempo ma alcune cose non sembrano cambiare mai: Troy è sempre Troy.’’

Fonte: ducati.it
_____________________________

Inno [SM=x52783]

"Tanto tempo fa un grande filosofo indiano scrisse:
Nel mare della vita i fortunati vanno in crociera... gli altri nuotano qualcuno annega "(D.M. Delfini)
OFFLINE
Post: 1.100
Città: OLGIATE COMASCO
Età: 38
Sesso: Maschile
28/01/2016 06.06

Nuova Stagione 2016
[Modificato da BarInno 28/01/2016 06.07]
_____________________________

Inno [SM=x52783]

"Tanto tempo fa un grande filosofo indiano scrisse:
Nel mare della vita i fortunati vanno in crociera... gli altri nuotano qualcuno annega "(D.M. Delfini)
OFFLINE
Post: 1.100
Città: OLGIATE COMASCO
Età: 38
Sesso: Maschile
28/01/2016 06.07

Passi avanti a Jerez per il team Aruba.it Racing - Ducati in vista del debutto ufficiale in Australia

Dopo aver effettuato i primi test del 2016 a Portimão la scorsa settimana, il team Aruba.it Racing - Ducati ha proseguito il programma con due giorni di prove sul circuito di Jerez de la Frontera, gli ultimi prima di volare in Australia per la “prima” di campionato.

Davide Giugliano e Chaz Davies hanno percorso rispettivamente 110 e 126 giri sulla Panigale R, portando avanti lo sviluppo in configurazione 2016. Ancora una volta, il lavoro della squadra si è focalizzato su ciclistica ed elettronica, in particolare sulla valutazione di diverse distribuzioni dei pesi e configurazioni di software per ottimizzare la costanza di prestazioni in assetto da gara, con responsi positivi da parte di entrambi i piloti. Sia Giugliano che Davies hanno poi effettuato un time-attack sul finire del turno per riprendere confidenza con le gomme da qualifica.

Il team Aruba.it Racing - Ducati tornerà in pista il 22-23 febbraio sul circuito di Phillip Island (Australia) per i consueti test alla vigilia della prima gara del campionato.

Davide Giugliano (Aruba.it Racing - Ducati #34), 1’40.047
“Sono indubbiamente contento. Fin da ieri la mia squadra è riuscita gradualmente a cucirmi la moto addosso e mi ha consentito di fare un passo avanti rispetto a Portimão. Abbiamo lavorato molto con gomme usate per risolvere alcuni problemi avuti in passato. Era importante adottare questo approccio. Tornare al livello a cui ero abituato dopo una lunga pausa e soli quattro giorni di prove mi rende molto fiducioso”.

Chaz Davies (Aruba.it Racing - Ducati #7), 1’40.110
“In questi test abbiamo potuto concentrarci su piccole rifiniture, sia in termini di ciclistica che di elettronica. Il feeling con la moto 2016 è già alto, e rispetto ai test fatti qui a Jerez lo scorso novembre abbiamo fatto dei grandi progressi. Sono riuscito a chiudere molto vicino ai primi con la gomma da tempo nonostante la qualifica non sia mai stato il mio forte, mentre con la gomma da gara siamo stati i più veloci. Vado a casa stanco ma molto soddisfatto”.

Ernesto Marinelli – Responsabile Progetto Superbike
“Dopo i test della scorsa settimana a Portimão, era importante provare su una pista con caratteristiche diverse come Jerez per trovare conferme. Ci siamo concentrati sulla costanza di prestazioni in assetto da gara, lavorando sia sulla ciclistica che sul funzionamento dei nuovi controlli elettronici per massimizzare la performance con gomme usate. Inoltre, abbiamo anche valutato alcune nuove soluzioni di anteriore e posteriore portate da Pirelli, con esiti positivi. Ora ci rimangono solo poche settimane al debutto di Phillip Island, ma forti del buon lavoro svolto attendiamo la partenza fiduciosi”.

Fonte: Ducati.it
_____________________________

Inno [SM=x52783]

"Tanto tempo fa un grande filosofo indiano scrisse:
Nel mare della vita i fortunati vanno in crociera... gli altri nuotano qualcuno annega "(D.M. Delfini)
OFFLINE
Post: 1.100
Città: OLGIATE COMASCO
Età: 38
Sesso: Maschile
10/02/2016 22.34

Il team Aruba.it Racing - Ducati pronto per la Superbike 2016

Dopo un 2015 memorabile – con la prima vittoria della Panigale R ad Aragon ed il secondo posto nella classifica Piloti e Costruttori – il team Aruba.it Racing - Ducati ha rilanciato oggi la nuova sfida dal Data Center Aruba di Arezzo, dove l’avventura era iniziata lo scorso anno, svelando la nuova livrea delle Panigale R ufficiali di Chaz Davies e Davide Giugliano e stabilendo obiettivi ancora più ambiziosi per il Campionato Mondiale Superbike 2016.

Nel corso dell’evento sono stati illustrati a media, sponsor e partner del team i programmi sportivi e le novità tecniche per il campionato per moto derivate di serie che inizierà il 28 febbraio a Phillip Island, in Australia. Il progetto riparte all’insegna della continuità, con la conferma dei due piloti Davies e Giugliano, ma anche dell’evoluzione, con diverse novità sia per quanto riguarda lo staff tecnico che per la moto.

Stefano Cecconi, Amministratore Delegato di Aruba S.p.A e Team Principal: “I ventuno podi e le cinque vittorie nel 2015 ci hanno permesso di chiudere al secondo posto il Mondiale Piloti e quello Costruttori. Una grande soddisfazione per tutti noi, ma non ci accontentiamo e proveremo a fare di più quest’anno. Dal punto di vista organizzativo, la collaborazione con Ducati ha funzionato alla grande e voglio ringraziare tutte le persone coinvolte, anche in Feel Racing. Abbiamo iniziato la stagione sul podio per poi concluderla lottando stabilmente per la vittoria. È da lì che vogliamo ripartire per puntare ancora più in alto, quindi era giusto dare continuità alla struttura. Il 2015 è stato per Aruba un anno record in termini di risultati da tutti i punti di vista e sicuramente ha contribuito anche il progetto Superbike, con tutta la visibilità che ci ha consentito di avere, sia a livello nazionale che internazionale”.

Claudio Domenicali, Amministratore Delegato di Ducati Motor Holding: “Desidero innanzitutto ringraziare Stefano Cecconi, nostro partner in questa operazione che ci ha dato delle soddisfazioni straordinarie. Abbiamo visto risultati importanti per la squadra, risultati economici importanti per Aruba ed è stato anche l’anno migliore della storia di Ducati. Nel 2015 abbiamo venduto oltre 54.000 moto, un record, con un incremento del 22% rispetto all’anno precedente. E’ un risultato dovuto sicuramente ai molti modelli nuovi lanciati, alla nuova gamma del modello Scrambler, ma anche ai risultati delle gare che sono per tutti i Ducatisti un elemento importante. Voglio sottolineare l’importanza della Superbike per un produttore come Ducati. Correre con una moto strettamente derivata dalla serie ci consente di sviluppare dei prodotti straordinari e la Panigale R è una moto veramente ineguagliata nel settore delle sportive. La Superbike è nel cuore della Ducati e di tutti i Ducatisti”.

Luigi Dall’Igna, Direttore Generale di Ducati Corse: “In questi miei primi due anni in Ducati abbiamo cercato di migliorare lo scambio di informazioni tra MotoGP e SBK, cosa che ci ha aiutato a crescere su entrambi i fronti. Per il 2016, il team SBK presenta diverse novità. Abbiamo inserito nell’organico Marco Zambenedetti, ingegnere proveniente dalla MotoGP, e nel box di Giugliano abbiamo portato due persone di grandissima esperienza, Aligi Deganello e Paolo Biasio. La Panigale R è stata ulteriormente evoluta dal punto di vista della ciclistica, dell’elettronica e del motore. Nei test invernali siamo stati protagonisti, cosa che ci consente di iniziare il 2016 con un unico obiettivo: vincere il titolo”.

Chaz Davies (Aruba.it Racing - Ducati #7): “La scorsa stagione è stata ricca di soddisfazioni. Essere stato il primo pilota a portare la Panigale R alla vittoria ha significato molto, non solo per me ma per tutta la Ducati e per i tantissimi Ducatisti in tutto il mondo. Siamo cresciuti costantemente e gradualmente siamo arrivati ad un pacchetto molto competitivo ed efficace. Questa condizione ci ha accompagnato anche durante i test invernali dove, con le ultime evoluzioni di ciclistica ed elettronica, ci siamo concentrati sulla performance sulla lunga distanza. Sono molto fiducioso e non vedo l’ora di iniziare il campionato”.

Davide Giugliano (Aruba.it Racing - Ducati #34): “Dopo una stagione difficile, guardiamo avanti con ottimismo. Sono cambiate molte cose, sia sulla moto che nella mia squadra, e ringrazio Ducati per questa opportunità. Con Aligi e Paolo, il mio nuovo capotecnico ed elettronico, abbiamo lavorato tanto e bene, passo dopo passo. Negli ultimi test sono tornato ad essere veloce come i migliori, e quindi sono ottimista e non vedo l’ora di andare in Australia”.

Fonte: Mondo Ducati.
_____________________________

Inno [SM=x52783]

"Tanto tempo fa un grande filosofo indiano scrisse:
Nel mare della vita i fortunati vanno in crociera... gli altri nuotano qualcuno annega "(D.M. Delfini)
OFFLINE
Post: 1.100
Città: OLGIATE COMASCO
Età: 38
Sesso: Maschile
23/02/2016 22.12

23/02/2016

A Phillip Island inizia la stagione 2016

Phillip Island, 23 Febbraio 2016. Xavi Forés conclude con il nono tempo complessivo le due giornate di test di Phillip Island, che precedono di pochi giorni il primo round stagionale del Campionato Mondiale Motul WorldSBK, ufficialmente al via questo fine settimana proprio sul tracciato australiano.
Per il pilota spagnolo del Barni Racing Team si è trattato di due sessioni difficili, condizionate da problemi tecnici che hanno costretto la squadra a rimanere ferma ai box per buona parte dei turni a disposizione. Nei giri percorsi in sella alla Ducati Panigale R, Forés è riuscito a mantenersi costantemente vicino ai primi, dimostrando di possedere tutti i requisiti per poter disputare un buon weekend di gara.

Marco Barnabò, Principal Manager: ''Sono stati due giorni di test impegnativi a causa dei diversi problemi tecnici che abbiamo riscontrato, ma nonostante ciò siamo riusciti ad avere il tempo per provare diverse soluzioni. Complessivamente siamo soddisfatti del lavoro svolto in queste due giornate. Sono contento delle prestazioni del pilota e dell’impegno messo dallla squadra! Ora aspettiamo venerdì per poter tornare di nuovo in pista!''

Xavi Forés, #12: ''Purtroppo sono state due giornate un po' sfortunate per noi. Nella sessione di questa mattina abbiamo avuto un problema al motore che ci ha fatto perdere parecchio tempo. Peccato! Sono comunque soddisfatto; ho un buon feeling con la moto e sono positivo perché siamo tutti vicini. Sono tranquillo e fiducioso di poter fare due buone gare!''

TEST COMBINED RESULTS

1. Tom Sykes (Kawasaki) – 1’31.097
2. Jonathan Rea (Kawasaki) – 1’31.249
3. Davide Giugliano (Ducati) – 1’31.400
4. Michael Van Der Mark (Honda) – 1’31.458
5. Sylvain Guintoli (Yamaha) – 1’31.473

9. Xavier Forés (Ducati) – 1'31.661



WEEKEND RACE PROGRAM

Venerdì, 26 Febbraio 2016

10:15 – 11:15 (00:15 – 01:15) Free Practice 1
13:30 – 14:30 (03:30 – 04:30) Free Practice 2

Sabato, 27 Febbraio 2016

10:20 – 10:35 (00:20 – 00:35) Free Practice 3
12:30 – 12:45 (02:30 – 02:45) Superpole 1
12:55 – 13:10 (02:55 – 03:10) Superpole 2
15:00 (05:00) Race 1 (22 giri)

Domenica, 28 Febbraio 2016

11:00 – 11:15 (01:00 – 01:15) Warm Up
15:00 (05:00) Race 2 (22 giri)

Fonte: www.barniracingteam.it
_____________________________

Inno [SM=x52783]

"Tanto tempo fa un grande filosofo indiano scrisse:
Nel mare della vita i fortunati vanno in crociera... gli altri nuotano qualcuno annega "(D.M. Delfini)
OFFLINE
Post: 1.100
Città: OLGIATE COMASCO
Età: 38
Sesso: Maschile
24/02/2016 18.17

22/02/2016

La pioggia rallenta gli ultimi test pre-stagione del team Aruba.it Racing - Ducati a Phillip Island
A pochi giorni dalla prima gara del Campionato Mondiale Superbike 2016, il team Aruba.it Racing - Ducati è tornato in pista per i consueti test ufficiali insieme al resto dello schieramento sul circuito australiano di Phillip Island. Nonostante le temperature miti, deboli precipitazioni hanno rallentato il programma della squadra, focalizzato sulla costanza e competitività in ottica di gara alla luce degli ultimi aggiornamenti di motore, ciclistica ed elettronica apportati alla Panigale R e già valutati positivamente a Portimão e Jerez a gennaio.

All’interno di una classifica particolarmente corta, Chaz Davies (caduto sul finale senza gravi conseguenze) e Davide Giugliano hanno chiuso in nona e decima posizione, staccati rispettivamente di 0.581 e 0.713 secondi dal leader di giornata Tom Sykes, autore del miglior tempo con un 1’31.097. La squadra proseguirà il lavoro domani per la seconda e conclusiva giornata di test, per poi tornare in pista venerdì per le prove ufficiali in vista delle gare di sabato e domenica.

Chaz Davies (Aruba.it Racing - Ducati #7) – 1’31.678 (9º)
“Abbiamo seguito un programma specifico, lavorando per essere competitivi sull’arco di 20 giri e concentrandoci sul week-end di gara. Con la squadra, abbiamo effettuato solo piccole modifiche di assetto ed elettronica, ed ero abbastanza soddisfatto prima della caduta. Stavo provando una nuova mescola ma non ho ritrovato le sensazioni delle uscite effettuate in precedenza. Idealmente mi sarebbe servito più tempo per valutarla, ma sfortunatamente sono caduto all’ultima curva. Il lato positivo è che fisicamente sto bene, quindi potremo continuare il nostro programma di lavoro domani”.

Davide Giugliano (Aruba.it Racing - Ducati #34) – 1’31.810 (10º)
“Con la nuova squadra stiamo lavorando in maniera diversa rispetto al passato, cercando innanzitutto la costanza sul giro. Guardando i cronologici, mi sento soddisfatto perché sono stato in grado di girare stabilmente in 1’31. Ci manca ancora un po’ di grip al posteriore per migliorare il tempo sul giro, ma mi sento in grado di ripetere costantemente i miei riferimenti e questo mi dà fiducia. Domani, meteo permettendo, faremo un long-run per verificare dettagliatamente l’usura degli pneumatici”.

Fonte: ducati.it
_____________________________

Inno [SM=x52783]

"Tanto tempo fa un grande filosofo indiano scrisse:
Nel mare della vita i fortunati vanno in crociera... gli altri nuotano qualcuno annega "(D.M. Delfini)
OFFLINE
Post: 1.100
Città: OLGIATE COMASCO
Età: 38
Sesso: Maschile
24/02/2016 18.18

23/02/2016

Test conclusi per il team Aruba.it Racing - Ducati in vista del debutto in gara a Phillip Island
Dopo una prima giornata di prove contraddistinta da un cielo plumbeo e piogge sporadiche, il team Aruba.it Racing - Ducati è tornato in pista a Phillip Island in condizioni atmosferiche radicalmente diverse. Un vento caldo ha fatto salire la temperatura dell’aria fino a 38 gradi (41 Cº sull’asfalto), rendendo progressivamente più difficile la ricerca della prestazione pura. Per questo motivo, entrambi i piloti hanno preferito concentrarsi sulla distanza di gara, con un occhio di riguardo soprattutto per l’usura degli pneumatici su un tracciato esigente come quello australiano.

Davide Giugliano (85 giri percorsi in totale) è comunque riuscito a migliorare i propri riferimenti di circa quattro decimi, chiudendo al terzo posto nella classifica combinata, a +0.303 dal leader Tom Sykes. Chaz Davies, leggermente dolorante in seguito alla caduta di ieri, ha preferito adottare un approccio più cauto al mattino e – come la maggioranza dello schieramento – non è poi riuscito ad abbassare i propri tempi sul giro nel caldo pomeridiano, concludendo i due giorni di prove in decima posizione assoluta (+0.581) con 97 giri all’attivo.

Il team Aruba.it Racing - Ducati tornerà in pista venerdì per la prima sessione di prove ufficiali del 2016 (10.15 ora locale, 00.15 ora italiana).

Davide Giugliano (Aruba.it Racing - Ducati #34) – 1’31.400 (3º)
“Il bilancio generale è positivo. Sono molto soddisfatto delle prestazioni ottenute nel mattino, in condizioni climatiche che dovrebbero rispecchiare quelle del week-end di gara. Ci resta solo un piccolo passo avanti da fare in termini di aderenza a centro curva. Peccato per la sessione pomeridiana, avrei voluto fare un long-run ma le condizioni climatiche non me lo hanno permesso. Il caldo estremo non favorisce chi ha una guida scorrevole come la mia, e poi ci sono state talmente tante cadute e bandiere rosse che ho preferito non prendere rischi inutili. Sono comunque riuscito a fare 22 giri con la stessa gomma, tenendo un buon ritmo”.

Chaz Davies (Aruba.it Racing - Ducati #7) – 1’31.678 (10º)
“Nel turno del mattino mi sono concentrato sul ritrovare la fiducia in sella dopo la caduta sul finale del turno di ieri. Ho anche fatto una simulazione di gara, della quale sono abbastanza soddisfatto. Il nostro distacco dai primi è stato ridotto, e penso che avrei potuto chiedere di più sia a me stesso che alla Panigale R. Nel pomeriggio non mi è stato possibile migliorare i tempi, perché le temperature sono aumentate vertiginosamente, ma oggi l’obiettivo principale era quello di verificare il pacchetto senza cadere, quindi attendo fiducioso il week-end di gara”.

Ernesto Marinelli, Direttore del Progetto SBK
“Sono stati 2 giorni di test molto importanti, Phillip Island è una pista molto particolare e trovare un setup che consenta alle gomme di fare la distanza gara in sicurezza è sempre un compito difficile. Chaz e Davide con le loro squadre hanno lavorato molto bene, ci manca ancora qualcosina per il giro secco ma abbiamo trovato una configurazione che ci consente di essere molto costanti sul passo. Direi che abbiamo una buona base di partenza per il primo weekend di gara che si avvicina. Non sarà facile e dovremo adattarci alle condizioni meteo che possono cambiare molto velocemente come abbiamo visto oggi. Siamo comunque fiduciosi di poter fare un buon lavoro e aspettiamo con entusiasmo l’inizio di questa stagione 2016”.

Fonte: ducati.it
_____________________________

Inno [SM=x52783]

"Tanto tempo fa un grande filosofo indiano scrisse:
Nel mare della vita i fortunati vanno in crociera... gli altri nuotano qualcuno annega "(D.M. Delfini)
OFFLINE
Post: 1.604
Sesso: Maschile
28/02/2016 08.10

PHILLIP ISLAND

GARA 1:


Phillip Island ha ospitato un'altra battaglia storica, fino all'ultima curva, che ha visto trionfare Jonathan Rea dopo un duello serrato con Chaz Davies.

Jonathan Rea ha cominciato la sua difesa del titolo con una vittoria incredibile, guadagnata all'ultimo giro sul pilota Ducati Chaz Davies. Il portacolori della Kawasaki ha battuto Davies con un sorpasso all'esterno e per soli 63 millesimi di vantaggio.

Dopo la grande fuga delle due ZX-10RS, Sykes e Rea sono andati quasi side-by-side nel primo giro della corsa, sul circuito di Phillip Island, dominando la scena subito dopo la partenza, davanti a Chaz Davies che ha fatto un inizio spettacolare, dalla nona posizione, per unirsi subito alla lotta delle prime posizioni con il compagno di squadra Giugliano e il pilota Honda, Michael Van Der Mark.

Alle loro spalle, il rookie di Aprilia Lorenzo Savadori è stato inizialmente l'ultimo della top ten, preceduto dalle due Yamaha di Sylvain Guintoli e Alex Lowes, con Nicky Hayden, mentre davanti Sykes dominava il gruppo, prima di lasciare spazio a Rea, alle Ducati, a van der Mark, e andare a lottare con il “Kentucky Kid” e le Yamaha nelle mani di Lowes e Guintoli.

Rea ha così aperto la strada mentre dietro di lui c'era una grande battaglia e il gruppo di testa è successivamente diventato un trio con Davies e Van Der Mark, gli unici in grado di tenere il passo del campione in carica. Rea ha gestito incredibilmente bene la gara, nonostante gli avversari gli stessero con il fiato sul collo: ha mantenuto la calma e il suo ritmo di gara, fino a quando Davies non si è avvicinato pericolosamente e ormai mancavano pochi giri alla bandiera a scacchi.

All'ultimo giro Davies ci ha provato e ha tentato il sorpasso decisivo e, per un momento, sul Gardner, le due moto sono state fianco a fianco, vicinissime, e poi Rea ha recuperato la leadership con un sorpasso all'esterno che gli ha concesso di tagliare il traguardo in prima posizione, davanti per soli 63 millesimi.

Van Der Mark è arrivato terzo, facendo registrare il suo quarto podio in carriera nella sua seconda stagione, mentre il compagno di squadra in Honda, Nicky Hayden, ha lottato per tenere il passo nelle ultime fasi del suo debutto, concludendo nono. L'eroe locale Josh Brookes torna a casa con un decimo posto, e il Campione 2014 WorldSBK Sylvain Guintoli ha ottenuto il miglior risultato di Yamaha con il sesto crono e questo mostra un grande potenziale della YZF R1 nella sua prima uscita nel WorldSBK. Leon Camier ha portato a termine la sua corsa in settima posizione, sulla MV Agusta, e dietro di lui ha chiuso Jordi Torres, sulla BMW, così che nella top ten erano presenti ben sei case costruttrici diverse. Brutto inizio per Alex Lowes, invece, che ha terminato la gara in anticipo a causa di una caduta.
[Modificato da giocolnet 28/02/2016 08.12]
.

.
www.colnet.ch/gio www.doc-insubria.eu
.
OFFLINE
Post: 1.100
Città: OLGIATE COMASCO
Età: 38
Sesso: Maschile
08/03/2016 22.45

Il team Aruba.it Racing - Ducati pronto ad una nuova sfida in Tailandia


Dopo aver raccolto due podi nel round di apertura a Phillip Island, il team Aruba.it Racing - Ducati sarà nuovamente in pista il prossimo fine settimana a Buriram (Tailandia) per il secondo appuntamento del campionato mondiale Superbike.

In Australia, sia Davide Giugliano che Chaz Davies hanno lottato costantemente al vertice, portandosi al terzo e quarto posto provvisorio nella classifica generale con 29 e 26 punti rispettivamente. Su un circuito dalle caratteristiche nettamente diverse come quello di Chang, l’obiettivo è duplice: confermare la competitività della Panigale R in configurazione 2016 e continuare il lavoro di sviluppo congiunto tra pista e reparto corse.

Davide Giugliano (Aruba.it Racing - Ducati #34)
“I risultati ottenuti in Australia mi hanno rincuorato. La Panigale R è senza dubbio migliorata e, grazie al grande lavoro di gruppo e ad una maggiore esperienza con il pacchetto, siamo riusciti a partire con il piede giusto dopo una lunga assenza dalle gare. In Tailandia non ho mai corso e dovremo fare i conti anche con il caldo ma, a questo proposito, Phillip Island ha rappresentato un bel banco di prova. Fisicamente non mi sento ancora al 100% ma sono vicino alla migliore condizione e mi farò trovare preparato”.

Chaz Davies (Aruba.it Racing - Ducati #7)
“A Phillip Island siamo stati vicini alla vittoria in entrambe le gare. Avrei fatto volentieri a meno della caduta nella seconda manche, ma può capitare quando si lotta per il primo posto e l’ho già messa alle spalle. Sono rimasto in Asia ad allenarmi per abituarmi al caldo e all’umidità, e mi sento pronto. Lo scorso anno, in Tailandia abbiamo sofferto a causa dei lunghi rettilinei. La Panigale R è cresciuta molto da allora, ma dobbiamo continuare lo sviluppo e trovare ancora qualche chilometro in più di velocità massima”.

Informazioni Circuito

Paese: Tailandia
Nome: Chang International Circuit
Lunghezza: 4.554 km
Curve: 12
Distanza da percorrere: 20 giri / 91.080km

PRIMATI
Best lap: 1’33.817 (Jonathan Rea, 2015)
Superpole: 1’33.382 (Jonathan Rea, 2015)

RISULTATI 2015
Gara 1: Rea (Kawasaki), Haslam (Aprilia), Sykes (Kawasaki)
Gara 2: Rea (Kawasaki), Haslam (Aprilia), Lowes (Suzuki)


Informazioni Piloti

Chaz Davies
Moto: Ducati Panigale R
Numero di gara: 7
Età: 29 (Nato il 10/02/1987 a Knighton, Galles)
Gare SBK: 103
Vittorie SBK: 9
Podi SBK: 33

Davide Giugliano
Moto: Ducati Panigale R
Numero di gara: 34
Età: 26 (Nato il 28/10/1989 a Roma, Italia)
Gare SBK: 92
Vittorie SBK: -
Podi SBK: 10


Programma del weekend (CET +6)

Venerdì
10:15 – 11:15 SBK Prove Cronometrate 1
13:30 – 14:30 SBK Prove Cronometrate 2

Sabato
10:45 – 11:00 SBK Prove Cronometrate 3
13:30 – 13.45 SBK Superpole 1
13:55 – 14:10 SBK Superpole 2
16:00 SBK Gara 1

Domenica
11:00 – 11:15 SBK Warm-up
16:00 SBK Gara 2

Fonte: ducati.it
_____________________________

Inno [SM=x52783]

"Tanto tempo fa un grande filosofo indiano scrisse:
Nel mare della vita i fortunati vanno in crociera... gli altri nuotano qualcuno annega "(D.M. Delfini)
Amministra Discussione: | Chiudi | Sposta | Cancella | Modifica | Notifica email Pagina precedente | 1 2 | Pagina successiva
Nuova Discussione
 | 
Rispondi

Home Forum | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 05.23. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com